Archives

All Posts Tagged Tag: ‘fioretto o scherzetto?’

Mamme con gli stivali

Forse non vi ho mai raccontato che tanti anni fa avevo un fidanzato ex campione di scherma. In casa c’era la sua gigantografia durante un affondo, tutto bello, con la maschera e la tuta bianca. Che chic!

Dire che fai scherma onestamente fa figo, perché ti toglie dalla massa dei pecoroni calcio dipendenti e ti dona un’allure di aristocratico blasé. In effetti il giro del mio ex, nonostante lui fosse una persona molto concreta e per niente snob, era quello: amici del Rotaract (versione young del Rotary) e balli in smoking.

(Nel curriculum aveva anche il ruolo di cavaliere al Ballo delle Debuttanti, quello con le giovani di buona famiglia in abito da meringa, di cui andava molto fiero. Sì, magari ora fa un po’ ridere, ma vi assicuro che avere un ragazzo che sa ballare molto bene il valzer e vi porta al Principe di Savoia alle feste degli Amici Italia-Austria, dove un’orchestra dal vivo suona la Marcia di Radetzy e voi siete lì a volteggiare…E’ uno dei ricordi più divertenti della mia gioventù!)


Non credo che oggi tirare di scherma si associ necessariamente ad uno stile di vita così sofisticato, prevale l’aspetto sportivo anche perché gli schermidori italiani vincono parecchio a livello olimpico e mondiale, li vediamo spesso in televisione e sono noti a tutti. Vedi la Vezzali o Aldo Montano. E poi è di oggi la bellissima notizia che Bebe Vio sarà tedofora alle prossime Olimpiadi di Londra.

Insomma, vi parlo di scherma perché sabato scorso sono stata invitata per una lezione prova mamma-bambino al Circolo Mangiarotti, uno dei circoli più prestigiosi in Italia, da cui sono usciti numerosi campioni. Questo evento è stato organizzato dalla Universal Home Video per l’uscita del dvd de “Il Gatto con gli Stivali”, noto spadaccino dai lunghi baffi.  Non oso immaginare cosa mai si inventeranno le prossime volte, visto che ormai è un’escalation. Invito che ho accettato con entusiasmo: quando mai mi sarebbe capitato di entrare in un Circolo così famoso?

La lezione di prova mi è piaciuta molto perché ho capito che la scherma è uno sport che unisce la coordinazione occhio-corpo e la capacità di pensare una strategia. Un’attività quindi che stimola il fisico e la concentrazione dei bambini. Ho visto in azione bambini sui 10/11 anni, che hanno iniziato la scherma semplicemente per aver visto molti duelli in tv e poi ci hanno preso gusto. L’ambiente mi è sembrato molto sano e se i miei figli me lo chiedessero ce li manderei volentieri.
Date un’occhiata al Decalogo dello Schermidore: non vi sembra che questi principi forse oggi un po’ démodé abbiano invece molto senso?


Menzione d’onore al Maestro Sandro Resegotti, ex campione mondiale di spada a squadre, di fronte al quale noi mamme ci siamo esibite nella lezione di prova. Chissà che risate si sarà fatto tra sé e sé vedendoci mentre cercavamo di darci un contegno con un fioretto in mano!

Poi ho realizzato un grande sogno di quando ero bambina: disegnare la Z di Zorro sul sedere di qualcuno! Non posso dirvi chi è, comunque pubblico un’immagine che credo vi darà un’idea…

Vi lascio con questo filmato del Gatto, i miei ormai l’hanno guardato così tante volte che ormai hanno preso l’accento spagnolo di Banderas!

Non dire Gatto se non ce l’hai nel sacco!

Web by Jop