Senza Biglietto da Visita, il mio romanzo
Senza Biglietto da Visita

Senza Biglietto da Visita, il mio romanzo

Volevo dirvi che ho scritto un libro. Un romanzo per l’esattezza.

Si intitola “Senza Biglietto da Visita” e lo potete acquistare su Amazon come ebook e in forma cartacea.

 

Senza Biglietto da Visita

 

Lo vedete quel pay-off là in alto?

Essere se stessi senza un biglietto da visita.

Il mondo rovesciato, la donna a testa in giù, il portatile abbandonato sul pavimento.

Ecco, è cominciato tutto da lì.

Quando ho deciso, d’istinto, senza pensarci, che questo blog si sarebbe chiamato Manager di Me Stessa, Essere se stessi senza un biglietto da visita, non mi rendevo conto che questa definizione avrebbe fatto la differenza. Sempre, anche oggi. Due righe sufficienti a raccontare una storia. Ad immaginare un romanzo.

E’ stata questa mia sincerità ad interessare gli editor.

Ma.

Ma non è finita qui.

La storia di “Senza Biglietto da Visita” è un concentrato di fortuna e sfiga pazzesche (leggi qui tutta la vicenda incredibile che mi è successa) che mi ha lasciato addosso una gran voglia di farcela con le mie forze a farlo conoscere a più persone possibili.

Non è la mia autobiografia, ma la storia romanzata di tante donne reali che conosco e a cui “ho rubato” una frase, un pezzetto di vita, un dettaglio professionale. E poi sì, ci sono anche io, e alcuni uomini che ho incontrato, che potrebbero somigliare molto ai vostri mariti e compagni.

La trama in breve: Silvia Colombo, un bel nome lombardo che è tutto un programma, è una trentenne ambiziosa che si è messa in testa di diventare la dirigente più giovane dell’azienda maschilista in cui lavora. Ha una mamma di successo, delle amiche molto sveglie e un ex fidanzato di cui non sente la mancanza. Ma, improvvisamente, le accade qualcosa che sconvolge il suo orizzonte e ribalta le sue priorità…Non vi dico cosa altrimenti vi rovino il colpo di scena finale, anzi la sequela di colpi di scena.

Secondo me, è un libro in cui tutte potenzialmente possiamo riconoscerci, le situazioni sono quelle che accomunano la maggioranza di noi ragazze nate negli anni ‘70 di fronte alle scelte importanti della vita.

E’ un libro che offre più domande che risposte e contiene tanta realtà. Compresi dei bei dialoghi al vetriolo tra donne.

Se leggerete questo romanzo scommetto che non potrete fare a meno di esclamare:”Questa potrei essere io!”.

 

Per cui tocca a voi che mi leggete da anni.

Se vi appassiona ciò di cui vi parlo da sempre qui sul blog, come la conciliazione famiglia-lavoro, la maternità al di là degli stereotipi, i tempi della vita di donne e uomini, questo è il libro che fa per voi.

Questo è il sito del libro, qui la pagina Facebook.

Leggetelo e poi fatemi sapere cosa ne pensate, con una recensione, un commento, un post sul vostro blog …

E poi, se vi è piaciuto, fatelo conoscere alle vostre amiche, la vita dei libri si ciba del passaparola dei lettori.

 

E io?

Ora sono felice: la mia storia non è più solo mia, ma anche vostra.

Cosa ne pensi?