Priorità

This is the default teaser text option. You can remove or edit this text under your "General Settings" tab. This can also be overwritten on a page by page basis.

Priorità

     

    – Mamma, quando mi vieni a trovare questa settimana? – chiede a Nonna Beat la sua unica figlia, madre di due bambini sotto i tre anni di cui si occupa da sola, facendo eccezione per un pomeriggio di baby-sitter la settimana.

    Lunedì mattina no perché ho pilates e al pomeriggio viene il filippino. Martedì e mercoledì no perché gioco a golf con la Cicci. Giovedì no perché la mattina mi torna il filippino e al pomeriggio ho i preparativi per la mia cena della sera stessa. Venerdì pomeriggio no perché vado a bridge, così come sabato e domenica, anche se so che sei a casa da sola pure tutto sabato, ma cosa vuoi, se non lo eserciti continuamente il bridge lo perdi. Non resta che venerdì mattina. Sì, vengo venerdì mattina così tu puoi andare a farti una nuotata. Sei contenta?

    Sì, molto. Quando tanti anni fa mia madre gigioneggiava dicendo che un giorno lei sarebbe stata una Nonna Beat non capivo esattamente cosa volesse dire. Oggi sì.

  1. fgem
    fgem01-13-2009

    ma se la baby sitter venisse più spesso?

  2. piattinicinesi
    piattinicinesi01-13-2009

    le nonne beat sono molte, poi ci sono le nonne dedite, quelle che addirittura stirano le camicie di tuo marito (esistono, lo giuro).tutto sommato meglio una nonna beat che una nonna interamente dedicata, (ma ti svelo un segreto, più la lasci libera più tra qualche tempo lei ti darà una mano) e al limite, budget permettendo ( e a volte anche non permettendo) una babysitter a pagamento, con la quale il rapporto è chiaro e sincero.ma i tuoi bimbi non vanno al nido? quanto hanno?

  3. itmom
    itmom01-13-2009

    vedo che le nonne di oggi si assomigliano molto ;))

  4. worldwidemom
    worldwidemom01-13-2009

    Un po’ invidio la tua nonna beat. Mi piacerebbe vedere mia madre presa in qualche attività..!!!

  5. itmom
    itmom01-14-2009

    come dice piattini, meglio una nonna beat che una nonna interamente dedicata. ne so qualcosa io, avendo una madre come la tua, da quello che descrivi. e sai quante arrabbiature mi sono presa negli anni passati? ma ho imparato a cavarmela da sola, e a non chiedere niente. d’altro canto ho delle amiche con nonne interamente dedicate che si intromettono in ogni decisione, che fanno tutto loro. non so cosa sia peggio. comunque ti capisco, nei primi anni dei bambini, sapere di poter contare sulla propria madre è fondamentale e quando ti rendi conto che non c’è disponibilità ti viene una rabbia.

  6. M di MS
    M di MS01-14-2009

    Ciao mamme. Avete tutte ragione.
    In realtà ciò che mi ruga non è tanto il fatto di non essere aiutata con i bambini (tanto posso farmi aiutare pagando, il che mi rende più libera dal dover dire “grazie” e “per favore”), ma la mancanza di sensibilità nei miei confronti. Oggi posso dire di essere una mamma più esperta, ma con il primo figlio avevo bisogno di supporto psicologico e questo non c’è mai stato. E’ la figlia che c’è in me che si ribella. Ma dovevo aspettarmelo: mia madre è stata una mamma che non c’era mai fisicamente, anche nei week-end perchè lei “lavorava tutta la settimana e doveva rilassarsi”. Ora che è nonna mi dice che lei ha lavorato 40 anni e adesso deve pensare a se stessa. Solo che mi viene una rabbia, quando penso che pago una sua coetanea per fare la nonna ai miei figli (che la adorano) e quando penso che lei il suo tempo libero lo passa solo tra frivolezze.

  7. emily
    emily01-14-2009

    come ti capisco! mia madre ha ripreso a lavorare ( sono contentissima, glielo ho trovato io però…) x cui le sue giornate sono già piene. aggiungi che ha due abbonamenti al cineforum e al teatro, due corsi serali, la piscina termale e la montagna al fine settimana…insomma x vedere i ragazzi devono prendere appuntamento.
    mah!!! x fortuna che ho una babysitter stupenda e una signora delle pulizie che è come una mamma!!!

  8. desian
    desian01-15-2009

    Beh sai quello delle frivolezze è il prezzo che paghiamo per la nostra emancipazione, al nostro non aver più bisogno. Di nulla, magari neanche di fare i nonni o magari il babbo o la mamma. Chi invece ha bisogno si fa pagare (anche noi abbiamo la nostra baby sitter, ucraina) per coprire il nostro tempo “liberato”… Tema difficile, insomma.
    ciao
    p.s. oltre a commentarti (per alimentare il tuo blog!!!) ti ho anche linkato sul mio. 🙂

  9. M di MS
    M di MS01-15-2009

    emily: anche la nostra tata è stupenda! Addirittura la fermano per strada e chiedono se è la nonna.

    desian: ma lo sai che abbiamo gli stessi gusti in fatto di film! Io vorrei fare un post “le parole sono importanti”.

  10. desian
    desian01-16-2009

    ah, il cinema, grande passione giovanile, ma proprio grandegrande, della serie “ho visto cose che voi umani…”

    ora le passioni sono altre ma il raggio verde (nel mio cuore) e nanni li ripasso sempre mentalmente. Eh sì, le parole sono importanti.

  11. Jolanda
    Jolanda01-16-2009

    Ma Cara, non esistono piu’ le nonne di una volta… Io passavo un mese intero dalla nonna d’estate e tutti, dico TUTTI, i sabati sera ( a vedere le canzonissime della Carrà e di Mina, di Vianello e Mondaini: bellissime! Se avete nostalgia, andate sulle mie playlist di youTube).Ora io al sabato esco con le amiche con figli… e ci giriamo le pizzerie che ancora non ci conoscono (dove passiamo noi, poi e’ terra bruciata, come Attila inomma…)Ciao.

  12. valewanda
    valewanda01-16-2009

    capisco la rabbia, ed è meglio che io stia zirra, visto che mia mamma basta che io faccia uno schiocco e si fionda da me, senza riserve…

  13. angelfish75
    angelfish7502-12-2009

    Non sei l’unica, pensa che noi ci siamo trasferiti apposta per avere una mano dai miei

Cosa ne pensi?