La casa di carta

This is the default teaser text option. You can remove or edit this text under your "General Settings" tab. This can also be overwritten on a page by page basis.

La casa di carta

  Metti caso che stai cercando casa.

Una casa grande, comoda, per una famiglia di quattro persone di cui un paio occasionalmente lavorano in casa, con i tricicli dei bimbi che scorrazzano, le lavatrici che vanno a getto continuo, gli amici che vanno e vengono, una casa da vivere. LA casa per sempre.

Metti caso che sul giornale leggi l’annuncio che ti stuzzica: cantiere, possibilità di intervenire sul progetto, risparmio energetico, box, vicinanza giardini e negozi etc. etc..

Metti caso che telefoni e come al solito ti dicono che devi passare in agenzia dove ti trovi a vivere sempre la stessa scenetta: giovane commerciale con l’occhio da cerbiatto al cospetto dei lupi, buttato lì allo sbaraglio senza un minimo di formazione, la stretta di mano umida, i modi eccessivamente cortesi, la cravatta orrenda sulla camicia sbagliata e – non possono mancare – quelle scarpe strane che sembrano avere solo quelli che vendono le case, che sembrano di legno, con i punti di cucitura ben visibili.

Ti dici "Beh, è un giovane, adesso mi convincerà con la sua grinta". E invece no. Non sa niente di quello che gli chiedi. Anziché mostrarmi il progetto inizia a dirmi quali sono le condizioni di vendita, che l’agenzia si prende il 4%.

– Ah.

– Sì, ma possiamo metterci d’accordo.

Mi dice che i box costano 65.000 euro.

_ Ma poi ci mettiamo d’accordo.

Mi dice che ci sono i pannelli solari in cima all’edificio e che con questi si risparmia l’80%.

– Di cosa? – chiedo io

– Mmm.

– Del riscaldamento?

– Mmm. No dell’alimentazione del vano ascensore.

 

Mi mostra due appartamenti che i venditori di case si pregiano di definire "signorili".

Uno è all’ultimo piano e costa tot. Un altro è al piano di sotto e costa 400.000 euro in più!!!

– Scusi? – chiedo io basita.

– Eh, sì, è la politica del costruttore. Vede, questo appartamento ha un terrazzo di 80 metri quadri. Un domani lei può verandarlo e fare un bel condono. Lei si rende conto che è come se acquistasse un appartamento di 150 metri quadri + 80 metri quadri.

– Scusi, ma secondo lei io dovrei comprare una possibilità di costruzione abusiva???

– Eh, sì. E pensi che al costruttore abbiamo dovuto chiedere di abbassare i prezzi, prima erano molto più elevati!

 

Dopo due giorni il cerbiatto ignorante mi richiama per un feed-back.

– Pronto signora, allora che ne pensa?

Click.

Tutututututututu…

  1. Silviett@
    Silviett@10-07-2008

    Oddio ma questa è esilarante! Faccio parte del mondo dei giovani, ma diamine a questi livelli…
    Prendiamola sul ridere che è meglio!
    In bocca al lupo per la ricerca della casa, noi in famiglia siamo 7 (senza nonni e senza animali) e ce ne abbiamo messo di tempo. La speranza però è l’ultima a morire! Un sorriso 🙂

    Coxinelle

Cosa ne pensi?