Gianni Morandi ha un Social Media Manager? Ma chi se ne frega
2535316626 A51910b5c0 O

Gianni Morandi ha un Social Media Manager? Ma chi se ne frega

[Gianni Morandi ha un social media manager? Ma chi se ne frega]

Chi si occupa di social media, ma anche banalmente chi usa un po’ Facebook solo come utente, non può non sapere che Gianni Morandi su Facebook è una potenza: ad oggi la sua pagina ha più di 2 milioni di like, ogni foto riscuote ennemila like, la gente desidera ardentemente comunicare con lui.  Gianni Morandi è uno dei casi di successo sui social più eclatanti e fa l’invidia di tutti quelli che vorrebbero diventare delle webstar.

Certo, Gianni è amatissimo, questo lo aiuta. Gli attira anche invidia (vedi alla voce Selvaggia Lucarelli), ma come si è arrivati fino a qui, a un 70enne cantante italiano che spacca anche presso un pubblico giovane?

Lo chiedo perchè il Gianni Morandi che ho conosciuto io qualche anno fa al Festival di Sanremo, quando facevo l’inviata di FattoreMamma con Jolanda Restano, era tutta un’altra roba.

Sarà stata colpa del Festival, che riuscirebbe ad invecchiare anche un neonato e ti incasella immediatamente nella categoria “over 65 only”, ma alle conferenze stampa post puntata in cui si discutevano dei contenuti delle serate e dello share si vedeva benissimo che dietro l’aria da bravo ragazzo aveva l’occhio vispo del professionista freddo e navigato. Il che non è assolutamente un male, ma insomma, è chiaro: non è che uno sta sulla cresta dell’onda per 50 anni solo perchè è simpatico e spontaneo.

Poi vi assicuro che quell’anno (2012) la tinta dei capelli era troppo forte e dal vivo faceva quell’effetto Paolo Limiti…ci siamo capiti.

Quindi di quel Sanremo, il mio primo Sanremo in Sala Stampa, ricordo più la farfallina di Belen e la magrezza della Canalis che la simpatia del Gianni nazionale.

sanremo2_ansa_644.jpg_415368877

Cos’è successo da allora?

Pochi mesi dopo, era il 7 novembre 2012, Gianni apre la sua pagina Facebook su indicazione della persona che gestiva il suo fan club (lo dice bene qui dal vivo al Wired Next Fest).

Tutto il resto è storia e il personal branding di Gianni sui social non sarà più lo stesso:

– su Facebook Gianni funziona perchè Gianni E’ nella realtà (al di là della tinta)

– su Facebook vince la semplicità, il messaggio facile da capire, diretto. Gianni è tutto questo, da sempre (brand equity)

– su Facebook Gianni interagisce direttamente (io non credo alla balla del SMM, ma anche se fosse si vede che le risposte le detta lui): la gente ha la sensazione di toccare il suo idolo, quello che una volta faceva per strada o al Cantagiro (cercate su wikipedia se non sapete cos’è, studiate).

– su Facebook vince la tua bella faccia. E la faccia di Gianni è come quella di un parente per molti italiani.

– alla gente piace sbirciare dal buco della serratura. E Gianni dà ai suoi fan l’illusione di farlo.

– Gianni infine ribadisce la supremazia del corazon, del sentimento e della passione sulle strategie di comunicazione nate a tavolino.

E così, grazie a Facebook, Gianni presidia il segmento dei quarantenni e dei trentenni (non oso scendere di più come età) che potevano scappargli. Coltiva la sua immagine nel più efficace dei modi, ci ricorda ogni giorno che esiste, casomai ce ne fossimo dimenticati, e soprattutto ci tranquillizza: meno male che Gianni c’è, almeno lui.

Per quanto mi riguarda, 3 anni fa a Sanremo pensavo fosse un po’ bollito, oggi invece mi sembra un gran figo, nel senso della 70enne che vorrei essere io tra un po’ di anni.

T’è vist? – direbbe la mia nonna, grande fan di Gianni nostro.

Photo credit: Giandomenico Ricci

  1. Serena
    Serena11-11-2015

    Leggo ora e ribadisco: sì, siamo allineate!

    • M di MS
      M di MS11-11-2015

      E chiunque posti sulla pagina di Gianni lo sta facendo bene.

Cosa ne pensi?