Figli ed educazione sessuale: no panic, take it easy!
Stork E1382031388883

Figli ed educazione sessuale: no panic, take it easy!

Avevo 6 anni ed ero in macchina con il papà. Sedevo dal lato del passeggero, ovviamente senza cintura, perché negli anni ’70 le cinture in macchina nemmeno esistevano.

Mentre guidava, mio padre fumava. Perché negli anni ’70 fumare non era considerato scorretto o imbarazzante.

Portavo le kickers con le stringhe, perché negli anni ’70 ce le avevano tutti i bambini. E sapevano anche allacciarsi le stringhe fin dall’asilo.

Insomma, ero lì in macchina con il papà quando gli ho fatto LA domanda:

”Papà, come nascono i bambini?”

“Chiedilo alla mamma.”

Negli anni ’70 i papà erano autorizzati a rispondere così. Oggi? Non credo più.

Di quel che mi ha detto la mamma quel giorno ricordo pochissimo, a parte che alla fine mi sono messa a ridere per l’imbarazzo e lei con me. Nessuno comunque mi ha mai parlato di cavoli e cicogne.

Quando sono stata più grande, la mamma mi ha raccontato che mia nonna non le aveva spiegato niente e che quando era “diventata signorina” (si dice ancora così?), a soli 10 anni e mezzo, si era spaventata a morte. Ecco perché mia madre pensava che non dire niente e farsi fagocitare da uno stupido imbarazzo fosse particolarmente dannoso.

Oggi noi siamo genitori moderni, liberati, consapevoli. Certo, certo…

Ma sappiamo rispondere alla fatidica domanda senza congelarci?

Per me è stato facile. Ho avuto due cesarei e la cicatrice aiuta a spiegare le cose in modo soft, quanto meno rende chiaro da dove esce ‘sto bambino. Sono sorpresa che i due non mi abbiano ancora chiesto come ci entri!

Io alludo al fatto che per fare un figlio i genitori lo devono decidere insieme e che poi, volendosi bene, il bambino si fa. Ma non vedo in loro la curiosità che avevo io.

La bambina, per quanto più piccola (5 anni), è ovviamente più sveglia. Mi permetto di spiegarle che il bambino ha una seconda via d’uscita.

Non l’avessi mai fatto! Dopo un paio di giorni si mette a piangere  perché non vuole che capiti a lei, che è così piccola. Mah, forse avrei fatto meglio a glissare…

Il maschio ha 7 anni, potrebbe anche chiedere di più, ma quando le spiegazioni si fanno più complesse parte subito per la tangente e inizia a parlare di Lego. Mmm, vedo già i tratti elusivi del maschio italico medio.

Comunque.

Io sono pronta. Prontissima. Se chiedono rispondo, farò il juke-box. Non dirò bugie o invenzioni, cercherò di dire cose che possano capire. Ma niente api e fiori, per favore. Anche perché, detto tra noi, io la storia delle api e dei fiori…non l’ho mai capita bene.

Cioè, non ho capito cosa fa l’ape, dove mette quello che si porta dietro…spiegatemi! Io andavo a scuola dalle suore!

E voi, siete mamme liberate o vestali del silenzio?

Dai, esiste ancora qualche mamma che sorvola? Non ci credo! E i padri? Toc toc, c’è qualcuno all’ascolto? Mi raccontate?

Se poi volete prepararvi guardatevi questa puntata di “Una Mamma Imperfetta”, così capite COME NON SI FA.

(A proposito, lo sapete che è ricominciata la nuova serie di “Una Mamma Imperfetta” sul sito del Corriere tutti giorni alle 12.00, vero?)

mamma_imperfetta

 

P.S.: chi sono le mamme imperfette? Eccole qui!

  1. Simona
    Simona10-18-2013

    La verità Veronica è che poi ti arriveranno a casa pieni di informazioni sbagliate, date da amichetti con fratelli più grandi, che ti confideranno tra risolini (del resto sono arrivate anche a me 40 anni fa in una scuola di suore, figuriamoci ora). E dei cavoli, semmai avessi desiderato farlo, non gli potrai davvero parlare, a meno che tu non decida di spiegare l’espressione “fare sesso” con “trovare un bambino sotto un cavolo”. Io ho comprato un libro stupendo che spiega tutto dei cambiamenti fisici e psicologici puberali di maschi e femmine (anche se è principalmente impostato sulle femmine), da come si sceglie un reggiseno agli ormoni che provocano il ciclo. Credo che leggerlo insieme quando sono un po’ più grandi dei tuoi, possa essere un buon modo.

    • M di MS
      M di MS10-18-2013

      Sì, anche se ricordo molto imbarazzo, quando ero pre-adolescente, ad affrontare questi argomenti con i miei. Tipo ricordo l’urlo belluino di mio padre “Il reggiseno?!” la prima volta che mi ha visto indossarlo. Indimenticabile.
      Per il resto, che ti devo dire, sono reduce da un’uscita con mamme di adolescenti. Sono terrorizzata dalle loro confidenze!

  2. chiara
    chiara10-18-2013

    Ho preso carta penna libro di anatomia…..passando in rassegna cellule api fiori pesci gatti e poi l’uomo .la vita è meravigliosa e vale la pena spiegarla con passione meraviglia ma sopratutto tanto amore..

    • M di MS
      M di MS10-18-2013

      Lo sapevo che prima o poi saltava fuori una che spiegava tutto con le api 😀

      • m.
        m.10-18-2013

        Noi (leggi io) abbiamo infilato tra i vari libri della biblioteca anche quelli sul tema da te affrontato. In pratica come si parla di educazione alimentare o come si ride delle scorribande di Pippi Calzelunghe altrettanto si fa con l’educazione sessuale o affettiva. Insomma con grande naturalezza, almeno ci proviamo! Il papà è disponibile ad affrontare l’argomento ma cascasse il mondo, non capita mai che sia a tiro quando il pargolo fa LE domande!! :@

        • M di MS
          M di MS10-21-2013

          Missà che i bambini hanno una predilezione per le mamme quando c’è da fare certe domande! In fondo sanno di arrivare da lì…

  3. LibraiaVirtuale
    LibraiaVirtuale10-18-2013

    Ma, io ho optato per la spiegazione per cui il papà mette un seme nella pancia della mamma e poi questo seme cresce e diventa un bambino. il mio piccolo ha quattro anni e passa un sacco di tempo nell’orto con il nonno, quindi mi è parso che parlando di “seme” avrebbe iniziato a capire.
    Per ora -per mia fortuna, aggiungo- non gli è passato per la testa di chiedermi come fa il papà a mettere il semino nella pancia della mamma… però credo che il giorno in cui lo farà cercherò di spiegargli tutto per bene. Anche se più probabilmente mi uscirà dalla gola qualche suono gutturale e strozzato, e poi crollerò per terra svenuta. :)

    • M di MS
      M di MS10-21-2013

      Farai come tutti! E poi vi metterete a ridere 😀

Cosa ne pensi?