Cose da sapere prima di andare a #DisneylandParis
20130725 221536

Cose da sapere prima di andare a #DisneylandParis

castelloIl castello della Bella Addormentata.
Topolino, Pippo, Paperino e tutti i personaggi dei cartoni Disney a grandezza umana.
L’illusione di entrare in un film, che le fiabe siano vere.
La libertà di essere bambini per un giorno senza dover sembrare a tutti i costi degli adulti ragionevoli. Vivere la gioia riflessa negli occhi dei nostri figli quando urlano il nome di un personaggio come se fosse vero.
Questo è il motivo per cui almeno una volta nella vita si va a Disneyland, per viverne la magia.

Per la nostra famiglia questa è stata la prima volta, l’età dei bambini (5 e 7 anni) era quella giusta per spalancare gli occhi dalla meraviglia e anche noi genitori ci siamo divertiti.

Però a onor del vero ci sono varie cosette dietro al Sogno e ve le racconterò per aiutarvi a programmare il vostro viaggio:

Disneyland è “the magic”, come non fanno che ripetervi ogni altoparlante e opuscolo presenti nel Parco, quindi dovete tornare bambini e abbandonarvi all’irrazionale. Lasciatevi andare all’orgia di musica, colori ed emozioni. Tutto, dagli allestimenti ai costumi, seppure punti a lasciarvi a bocca aperta, è studiato e pianificato nei minimi dettagli e trasuda professionalità american style.

– EuroDisneyland è a Parigi, ma nel momento in cui varcate il cancello del villaggio siete a tutti gli effetti negli States. Ciò significa che ogni hotel è la riproduzione di abitazioni e ambienti USA, i menu sono iperproteici e propongono junk food per la gioia di grandi e piccini, ovunque negozi a marchio Disney offrono la possibilità di acquistare gadget, pupazzetti, magliette con Topolino e C..

Vivere la magia Disney, quale che sia la vostra scelta, costa un botto. Non è tanto il prezzo del biglietto a fare la differenza, quanto il marketing-pensiero che anima tutta la vostra permanenza nella struttura. Voglio dire che qualsiasi cosa vogliate, potete averla, ma ha un costo. Non volete fare la coda ad un’attrazione particolarmente affollata? No problem, vi comprate il Fast Pass e tornate nello slot temporale indicato. Avete sete? 3 Euro di bottiglietta d’acqua non si negano a nessuno. Il pelouche meno caro 15 Euro e via dicendo. In sé sono costi anche accettabili, il vero punto è che siete all’interno di un sistema dove venite continuamente sollecitati a spendere per qualche cavolata che, se non state attenti, alla fine si traduce in un centone di extra al giorno.

Ammetto che tutto ciò mi affascina. Questa capacità di esecuzione delle tecniche di vendita unite all’amore che tutti noi proviamo per il brand Disney ed alla sua forza, l’assoluta assenza di casualità nell’erogare i servizi da divertimentificio globale su larga scala, per migliaia di persone ogni giorno…sono encomiabili. Il fascino del lato oscuro della forza (qui parla la markettara che è in me).

Quanto tempo restare a Disneyland Paris?

Ciò premesso, per pianificare nel modo migliore la visita a EuroDisney dovete prima farvi un esame di coscienza: ci andate solo per i vostri figli o sotto sotto siete rimasti dei bambinoni che vogliono credere alla favole?
Non è una domanda inutile, perché la risposta si traduce in due modi diversi di organizzare il viaggio.

Se Disneyland è solo il sogno dei vostri bambini e voi fondamentalmente siete degli accompagnatori, vi suggerisco di dedicare al parco solo una giornata. Se proprio volete stare più tranquilli e visitare anche l’attiguo parco Walt Disney Studios, dormite una sola notte in uno degli hotel (varie le categorie) presenti all’interno del resort o nelle immediate vicinanze. Come ospiti di uno degli alberghi avrete il vantaggio di accedere al parco alle 8 del mattino, prima che sia aperto anche a chi viene da fuori.

Se invece siete come me (strumentalizzo i miei figli per far vivere la bambinona che è in me), non potrete fare a meno di acquistare uno di quei pacchetti 2 notti/3 giorni ai due parchi per avere la possibilità di visitare tutto con calma, ripetendo le attrazioni più divertenti e purtoppo ammortizzando le inevitabili code.

Quali sono gli alberghi migliori?

Se leggete il mio blog immagino siate genitori e quindi vi consiglio di andare sul sito Disneylandparis.it e selezionare la sistemazione in base al vostro budget. Se invece foste una coppia di fidanzati giocherelloni, fate come la sottoscritta molti anni fa: cercatevi un hotel basic ed economico fuori dal villaggio e arrivateci in macchina.

Quest’anno la nostra famigliuola ha optato per il Sequoia Lodge: centinaia di camere con doppio letto matrimoniale, pulite, funzionali, comodissime per visitare il Parco. E’ circondato dal verde e non immaginavo di trovarlo così piacevole. La piscina ha uno scivolo che piacerà molto ai vostri figli.

Pensavate di essere a Disneyland e invece…

Ecco, è la mattina del vostro primo giorno, siete eccitati come bambini, i vostri figli si sono svegliati alle 6 per essere già di fronte ai cancelli al momento dell’apertura, MA…
Così come all’Autogrill potete andare alla cassa solo dopo aver visionato tutti i prosciutti in offerta, anche a Disneyland non potrete entrare prima di essere passati ed usciti dal Disney Village.
Che all’inizio vi sembrerà pure un bel posto, pieno di ristoranti, bar, negozi colorati, musica, ma dopo la prima sera passata a cercare qualcosa di umano da mettere sotto i denti si rivelerà ai vostri occhi per quello che è: un mungitoio dove le mucche siete voi e si mangia pure male. Vi consiglio fortemente di andare dritti da Mcdonald’s dove servizio e rapporto qualità/prezzo non vi tradiranno. Tenete duro che in Francia si mangia bene, basta uscire dall’enclave USA ed è fatta.

I must di Disneyland

Gli appuntamenti della giornata sono la Parata con i carri dei personaggi alle 19.00 e lo show “son et lumière” al Castello della Bella Addormentata alle 23.00.
Ho cercato di resistere e fare la cinica, ma quando tra tutti ho visto passare Mary Poppins che ha salutato ME…beh, mi sono venuti i brividi, che gina.
Le attrazioni divertenti sono tante. Ai nostri bambini sono piaciute in particolare quella di Buzz Lightyear e nei Walt Disney Studios gli stuntmen in macchina.

Lo shopping

Come vi dicevo, è caro, ma ci starebbe se al giorno d’oggi non fosse possibile acquistare molti oggetti anche nello store Disney della nostra città. Quindi il consiglio è: selezionate. Noi siamo entusiasti della spada laser da Jedi personalizzata che ci siamo costruiti scegliendo ogni singolo pezzo. Cosa c’entra Star Wars con Disney? Non sapevate che Disney si è comprata il marchio dando vita a simpatiche commistioni?

STARWARS

Riassumendo:

Disneyland: 9
Walt Disney Studio: 7,5
Disney Village: 4
Sequoia Lodge: 8
Per organizzare la vostra  vacanza: http://www.disneylandparis.it

 

 

 

IT_Toys_STEM-Store_30-03-16_content-grid_1500x375

Per i tuoi bambini acquista giocattoli STEM

  1. Debora
    Debora08-05-2013

    Ciao sono mamma di due gemelle di 5 anni mi piacerebbe molto portarcele ma vedremo appunto per la spesa siamo in 4 ora vedremo.

    • M di MS
      M di MS08-06-2013

      La spesa è elevata, quindi ti consiglio di organizzare un viaggio in Francia di cui Disneyland sia solo una gita.

  2. Iolanda
    Iolanda08-05-2013

    Sono almeno 15 anni che il parco NON si chiama più EuroDisneyland, ma Disneyland Paris! 😀 per il resto, un po’ di ragione ce l’hai. Ma al Disney Village si mangiano buoni hamburger anche da Annette (quello anni ’50 con le cameriere in pattini a rotelle)

    • M di MS
      M di MS08-06-2013

      E’ vero, Annette si salva e poi fa troppo Cars!

  3. Mammamsterdam
    Mammamsterdam08-05-2013

    a noi l’ hanno offerto i suoceri insieme a tutta la sacra famiglia per festeggiare i loro 40 anni di matrimonio. Io sono superextracinica, ci sono andata per le montagne russe, ho odiato le code e il cibo è davvero a un livello sottozero. Cio`e, non c’ `e neanche mezza cosa che non sia di sintesi, manco una mela, per dire (e si che col castello di biancaneve ci starebbe tutto, un banchetto di mele)

    • M di MS
      M di MS08-06-2013

      Forse è il segno che sono diventata veramente vecchia: una volta la qualità del cibo non mi interessava per niente, oggi invece… La cosa allucinante del Disney Village è che non hai scampo finchè non te ne vai: cibo finto, poco salubre e costoso.

  4. Mamma avvocato
    Mamma avvocato08-05-2013

    Ci sono stata con mio marito e la bambina ero io, ci sono stata a tredici anni con i miei genitori e i miei fratelli, di 16 e 4 anni e la bambina, alla fine, ero io…ci tornerò non appena il nano avrà l’età per apprezzare….il costo spaventa ma secondo me, marketing a parte, e veramente bello!
    P.s. Io ho trovato pesante, più che il cibo, la musica continua nelle orecchie…esci che sei mezzo sordo e rimbambito!!!!

    • M di MS
      M di MS08-06-2013

      Ti capisco! Io sono stata A Disneyland California e due volte a Disneyland Paris! Forse questa però è stata l’ultima.
      Quanto al rumore e allo stile, forse ti può interessare questo post che ho scritto l’anno scorso sul competitor più soft, Legoland Deutschland: http://managerdimestessa.com/cosi-facciamo-contenti-i-bambini/

  5. mammamedico
    mammamedico08-13-2013

    ne parlavo proprio in questi giorni con mio marito: sono anni che sogno di andare a parigi con lui, ma non abbiamo modo di lasciare i nani; sarebbe bello pertanto riuscire ad organizzare un viaggio tutti e 4 in cui unire le due cose, la città e disneylandparis. almeno fin tanto che sono nell’età in cui non pagano o pagano ridotto. o le varie pubblicità su questo aspetto sono ingannevoli?

    • M di MS
      M di MS08-14-2013

      No, non sono ingannevoli. Il punto è che compensano con le tariffe adulto 🙂
      Cmq tra poco farò un post su come abbiamo vissuto noi Parigi con i bambini, magari vi sarà utile.

Cosa ne pensi?